Seleziona una pagina

Esercizio commerciale: Tra pubblico e privato sui Social NetworkGestire il proprio esercizio commerciale nei social network non è proprio facile come può sembrare all’apparenza. Non basta avere un profilo, un gruppo o una pagina. Per fare una buona promozione della propria attività commerciale serve un minimo di criterio e soprattutto buon senso.

Non sempre è tutto oro quello che luccica in rete e personalmente guardo spesso il modo in cui un prodotto viene proposto o segnalato nei Social Network. Spesso ho notato la confusione che si crea -presi anche dall’entusiasmo della novità- di non seguire delle regole di base molto semplici.

A mio avviso se si vuole promuovere il proprio esercizio commerciale bisogna avere una pagina ufficiale. Ho già espresso le mie motivazioni in passato e vi consiglio di leggere l’articolo “L’Importanza della pagina Facebook per il proprio Marketing” per maggiori informazioni. Parlo di “Social Network” e mi riferisco principalmente a Facebook perché alla fine è dove le persone passano la maggiore parte del loro tempo.

Per rendere più accessibile il contenuto di questo articolo voglio provare a trattarlo con un esempio molto pratico invece di scrivere tanta teoria.

  • Caso A: Mario ha la sua attività commerciale. Mario ha un suo profilo su Facebook . Mario scrive sul suo profilo le notizie della sua attività commerciale.
  • Caso B: Mario ha la sua attività commerciale. Mario ha un suo profilo su Facebook . Mario scrive sul suo profilo le notizie della sua attività commerciale. Mario chiede ai suoi amici di condividere il suo post del profilo.
  • Caso C: Mario ha la sua attività commerciale. Mario ha un suo profilo su Facebook . Mario ha la pagina del suo esercizio commerciale su Facebook. Mario scrive sulla pagina le notizie della sua attività commerciale.

Secondo voi, tra A e B e C qual’è corretta come linea di comportamento? Quello che posso dire è che la B è da evitare assolutamente. La scelta migliore è la C senza ombra di dubbio.

Come dovrebbe comportarsi Mario in linea teorica?

  • Pubblicare il post sulla propria pagina ufficiale
  • Condividere il post sul suo profilo privato

A questo punto arriviamo al nocciolo della questione: possiamo sdoppiarci tra tra pubblico e privato sui Social Network?

Ovvero: possiamo evitare di fare sempre buon viso a cattivo gioco nel mondo dei social network?

Non esiste una risposta assoluta, su questo non ho dubbi in merito. A mio avviso possiamo comportarci in modo diverso.

  • Nella pagina ufficiale dobbiamo mantenere sempre un livello linguistico ed educativo per salvare il rapporto col proprio pubblico. Il commento resta lì scritto e chiunque potrà leggerlo. Presentarsi come uno che tratta male i propri lettori, fans o clienti non è un bel modo di guadagnare visibilità.
  • Nel profilo privato -se i post hanno visibilità ridotta ad amici- possiamo usare un tono più scherzoso ed amichevole per rispondere anche alla stessa domanda. Anche il modo di scrivere un post o un commento cambia tantissimo e questo lo vivo spesso sulla mia pelle.

Ripeto: Non è un mondo facile quello dei social network quando si vuole fare del business. Non possiamo improvvisare.

Vendere o promuovere un prodotto richiede tempo. Farlo passare in secondo piano perché viene visto legato ad una persona e non ad un servizio ci vuole un attimo.

Bisogna oscillare e sapersi muovere tra pubblico e privato sui Social Network perché alla fine la nostra rete di business andiamo a crearla noi giorno per giorno. La speranza è di fare aumentare i fans (da notare che non ho usato il termine amici come dicono in molti) il più possibile cercando di accontentare le loro esigenze.

Il nostro successo nei social network si basa sulla capacità di rendere felici i nostri fans (o followers) tenendo vivi i loro interessi principali. E’ sbagliato generare interesse o argomenti in maniera forzata. Mi riferisco alla creazione di falsi profili per rilanciare continuamente dei post.

Facebook: richiesta amiciziaChiudo raccontando un’esperienza che mi è successa di recente su Facebook e posso garantirvi che l’ho trovata veramente spiacevole.  Sono uscito a cena in un ristorante ed il giorno dopo ho cercato su Facebook la pagina per mettere il classico like. Cosa trovo? Davanti ai miei occhi come risultato della ricerca è uscito sia la pagina pubblica ed un profilo personale.  Incuriosito li ho aperti entrambe. Cosa ho scoperto?

  • La pagina era abbandonata ormai da parecchio tempo
  • Il profilo risultava con qualche post ogni tanto

Il primo post della pagina ha attirato il mio interesse ed ho posto una domanda al gestore del locale. Ho anche ricevuto risposta in tempi rapidi lo ammetto. Sino a qua non ci sono stati problemi. Cosa è successo da infastidirmi? Poco dopo la risposta il gestore (tramite il profilo personale) mi ha chiesto l’amicizia sul mio profilo privato.

Domanda finale: Siamo proprio sicuri che i vostri fans vogliono mettervi in mostra la loro vita? Siamo noi liberi professionisti o attività che dobbiamo mostrarci a loro, non il contrario. Ricordatelo sempre e bene.

Come è finita con la richiesta di amicizia? E’ rimasta appesa e credo che resterà lì per diversi secoli. La mia relazione con l’esercizio commerciale in questione? Onestamente non credo di tornarci o mostrare nuovamente interesse per la pagina (ehm, profilo nel suo caso) in questione.

Ricordate: una sola possibilità per la fiducia ed interesse digitale, non sbagliate.

 

 

Pin It on Pinterest

Share This

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi